Category Archives: Italy

BOOK: Norberto Bobbio. Una biografia culturale

Norberto Bobbio
Una biografia culturale

Mario G. Losano

Roma: Carocci, 2018 – ISBN: 9788843092697

Sito dell’editore

Indice

Prologo
Parte prima
Bobbio e il suo mondo
1. Un secolo di filosofia del diritto a Torino: 1872-1972
Esiste una “Scuola di Torino”?/Le origini risorgimentali: Pietro Luigi Albini dall’“Enciclopedia giuridica” alla Filosofia del Diritto/Tra idealismo e positivismo: la filosofia della storia del diritto di Giuseppe Carle/Tra socialismo e idealismo: la filosofia sociale del diritto di Gioele Solari/Tra positivismo giuridico e filosofia analitica: la filosofia del diritto di Norberto Bobbio
2. La vita di Bobbio, a grandi linee
Le radici piemontesi/I tre anni di Camerino (1936-38)/I due anni di Siena (1938-40)/Gli anni padovani, la “filosofia militante” e il carcere (1940-48)/Il ritorno a Torino nel 1948/Dalla dittatura alla libertà del dopoguerra: tre viaggi di Bobbio/Bobbio nella nuova Cina/Gli scritti di Bobbio: uno sguardo d’insieme
3. Le opere di Bobbio, a grandi linee
Studi giuridici e studi politici/Bobbio come osservatore critico della politica italiana ed europea/Le opere sino alla fine della Seconda guerra mondiale (1934-45)/Bobbio nel vicolo cieco della fenomenologia e dell’esistenzialismo/Bobbio avvocato di Sartre/I fecondi decenni del dopoguerra/Bobbio e la filosofia del diritto nella casa editrice Einaudi/Un minimo itinerario bibliografico per accostarsi al pensiero di Bobbio
Parte seconda
Bobbio e la filosofia del diritto
4. I fondamentali temi giuridici di Bobbio
Le tre virtù del Bobbio studioso: dialogo, chiarezza, comprensione/Gli anni universitari: Bobbio crociano/Gli anni universitari: Bobbio husserliano/L’analogia, ridotta ai minimi termini per mezzo della logica/La consuetudine, messa alla pari del diritto legislativo/Bobbio e il positivismo giuridico di Hans Kelsen/Il diritto come ordinamento: una teoria generale/Positivismo e giusnaturalismo in Norberto Bobbio/La revisione del positivismo giuridico
5. Bobbio dalla struttura alla funzione del diritto
La fase postpositivista: verso una visione funzionale del diritto/Bobbio davanti allo sviluppo postbellico dell’Italia/Liberismo e statalismo tra economia e politica/Genaro Carrió e la «gravissima malattia riduzionistica» della teoria giuridica/La funzione promozionale del diritto e il “desarrollismo” sudamericano/La funzione del diritto tra Stato sociale e neoliberismo/La funzione del diritto: un tema in attesa di approfondimenti
Parte terza
Bobbio e la filosofia della politica
6. I fondamentali temi politici di Bobbio
La definizione della politica e la lezione dei classici/Il ventennio di Mussolini e la democrazia riconquistata/I diritti umani, frutto dell’evoluzione storica, non di un valore assoluto/Il socialismo libertario e le sinistre unite: un’aspirazione non realizzata/Pace e guerra: può il pacifismo sconfiggere la guerra?/Federalismo fra uguali: pace durevole e libertà democratiche/Il ventennio di Berlusconi e la democrazia offesa
7. Democrazia e laicità in Bobbio, uomo di ragione e non di fede
Bobbio e la tradizione italiana del laicismo/Il laicismo: difficile definirlo, ancor più difficile praticarlo/L’ora di religione nella scuola pubblica: ora immaginaria, di disagio, di sconfitta/Il referendum abrogativo sull’aborto e le ragioni di Bobbio contro l’aborto/L’incontro con la teologia della liberazione/Le difficoltà – non solo semantiche – della “mitezza”/Religione e religiosità: le ultime polemiche nel segno della coerenza/l laicismo nella vita privata di Bobbio: «Ho compiuto 90 anni»
Commiato da Bobbio
Elenco dei libri citati
Indice dei nomi
Indice analitico

 

 

 

 

BOOK: LA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA DELL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI

LA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA DELL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI
I. Dai progetti cinquecenteschi all’Unità d’Italia
a cura di I. Birocchi
La Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Cagliari. I. Dai progetti cinquecenteschi all’Unità d’Italia

Pisa: 2018, Edizioni ETS – ISBN 9788846752215

sito dell’editore

Sotto una duplice angolazione il libro racconta la storia della Facoltà di Giurisprudenza di Cagliari dai progetti cinquecenteschi di fondazione dell’ateneo fino all’Unità: come luogo di formazione del giurista e, in stretta correlazione, come momento di snodo per l’accesso alle cariche, alle professioni e per una collocazione privilegiata entro la polis. Da qui le domande che riguardano, da un lato, gli aspetti dell’insegnamento (il numero degli studenti, i corsi, la frequenza alle lezioni, i manuali, le biblioteche, gli esami, dal punto di vista dei discenti; il reclutamento, gli impegni accademici, gli strumenti didattici, gli orizzonti scientifici e di metodo, nell’ottica dei docenti); dall’altro gli impatti nel tessuto sociale, secondo indirizzi culturali di cui la Facoltà era espressione e che a sua volta contribuiva a implementare. Anche nei momenti di crisi, essa operava come deposito di conoscenza giuridica, dialogava con il mondo delle professioni e delle istituzioni, formava le élites
Primo volume di una storia che arriverà fino ai giorni nostri e frutto della collaborazione di studiosi dalle competenze diverse, il libro affronta con nuove ricerche archivistiche e con sguardo comparatistico i principali problemi storiografici: il fervore dopo la fondazione, la reductio della sua funzione nei decenni successivi, la faticosa rifondazione boginiana, i giuristi “giacobini”, la Facoltà di massa negli anni a ridosso della “fusione perfetta”. E, mentre ricostruisce un itinerario in cui il tema dominante appare quello della formazione del giurista del diritto patrio, propone anche questioni nuove.

INDICE DEL VOLUME

Questa storia
Italo Birocchi

DAI PRIMI PROGETTI AGLI INIZI DELL’ETÀ SABAUDA (1543-1755)
I. Tra Roma e Madrid: la genesi dello Studio generale di Cagliari (1543-1626)
Gian Paolo Brizzi
II. La richiesta di letrados, il ruolo della città e la formazione del giurista
di diritto patrio (1626-1755)
Italo Birocchi
III. Notai d’età moderna. Una prospettiva sociale
Giampaolo Salice
IV. Graduati e professori nell’età preboginiana (1709-1763)
Italo Birocchi

DALLA RIFONDAZIONE BOGINIANA ALLA “FUSIONE PERFETTA” (1755-1848)
V. L’impianto filosofico e il quadro normativo della riforma boginiana
Italo Birocchi
VI. Tra tradizione e rinnovamento: professori e cultura giuridica dalla
riforma boginiana alla Restaurazione
Eloisa Mura
VII. Il giurista nell’officina del diritto patrio
Italo Birocchi
VIII. Nel mondo degli studenti: prima frequentanti e poi graduati (1764-1848)
Italo Birocchi

DALLA “FUSIONE PERFETTA” ALL’UNITÀ (1848-1861)
IX. Aperture nazionali e nuovo regolamento degli studi all’indomani
del Quarantotto
Eloisa Mura
STRUMENTI E IMPATTI (1626-1861)
X. La Biblioteca universitaria di Cagliari e i libri di diritto
Giovanna Granata
XI. Tra etica, diritto ed economia: intrecci di cultura e di pratica
Gian Giacomo Ortu

INDICE DELLE TABELLE E DELLE FIGURE FUORI TESTO
FIG. 1: Distribuzione dei notai abilitati nel Regno di Sardegna
(1702-1715)
TAB. 1: Graduati in utroque iure presso l’Università di Cagliari
(1709-23; 1728-31; 1742-57; 1763-64)
TAB. 2: Dottori in utroque iure esaminati e ritenuti idonei all’esercizio degli
uffici di assessore e consultore nelle curie regie e baronali
(1759-99)
TAB. 3: Studenti frequentanti e graduati in utroque iure a Cagliari
(1764-97 e 1802-03)
TAB. 4: Iscritti nelle diverse Facoltà dell’Università di Cagliari
(dal 1824-25 al 1841-42 e nel 1848-49)
TAB. 5: Cattedratici di diritto (1709-23; 1728-31; 1742-58; 1763)
TAB. 6: Cattedratici di diritto (1764-1861)

SEMINAR: Una via italiana della codificazione francese, Milano, 16 aprile 2018

Una via italiana della codificazione francese
A proposito del volume di Stefano SOLIMANO “Amori in Causa. Strategie matrimoniali nel Regno d’Italia napoleonico (1806-1814)”

Lunedì 16 aprile 2018

Università Cattolica del Sacro Cuore

Largo A. Gemelli 1, Milano

Aula G.022 Manzoni, ore 11.45-13.00

Interverranno
Pio CARONI, Professore Emerito di Storia del diritto e Diritto privato, Università di Berna
Giovanni CAZZETTA, Professore ordinario di Storia del diritto medievale e moderno, Università
degli Studi di Ferrara
Giovanni CHIODI, Professore ordinario di Storia del diritto medievale e moderno, Università
degli Studi di Milano – Bicocca
Sarà presente l’Autore

 

 

BOOK: DIGITAL ACADEMIC HISTORY

Digital Academic History
Studi sulle popolazioni accademiche in Europa

a cura di Gian Paolo BRIZZI, Willem FRIJHOFF

Copertina Digital academic history
collana “Studi e ricerche sull’università”

Bologna: Il Mulino, 2018 – ISBN 978-88-15-27552-3

 

Da qualche anno un network di ricercatori europei ha messo a profitto le potenzialità della rete per rinnovare una tradizione di studi, risalente a oltre un secolo, che mirava a sviluppare ricerche prosopografiche sulle élites intellettuali che si sono formate nelle università. Le risorse informatiche consentono oggi di superare il carattere localistico di quegli studi e, in accordo con lo spirito transnazionale del concetto originario di «universitas», il network Héloïse mira a stabilire una piattaforma di interrogazione comune in cui le singole ricerche onomastiche e prosopografiche possano confluire. L’intento è quello di ricostruire i nodi di esperienze culturali e scientifiche che si alimentarono grazie a una pluralità di contatti che non subivano ancora i condizionamenti spirituali dell’età dei nazionalismi. Il volume presenta alcuni dei principali progetti illustrati nel corso dei primi sei incontri di studio del network Héloïse.

 

INDICE
Avant Héloïse: l’aventure de Fasti, di Willem Frijhoff
La base de données sur les étudiants de l’Université de Poitiers. Le “Repertorium academicum pictaviense” (RAP), di Yannis Delmas-Rigoutsos, Jean Hiernard e Denise Turrel
Extranei, CAT et CaEN de Pool.Corpus: bases de données des étudiants étrangers et provinciaux dans les anciennes universités françaises, di Patrick Ferté
OEconomia Studii. A database of a new project on funding, management and resources of the Portuguese University (13th-16th centuries), di Hermenegildo Fernandes, Armando Norte e André de Oliveira Leitão
Professors at the University of Salamanca (1550-1650). Prosopography and databases, di Francisco Javier Rubio Muñoz
Le accademie italiane. Una banca dati online, di Simone Testa
Digital academic history in the Netherlands, di Leen Dorsman
Scottish university professors 1800-1939: proposals for a database, di Robert Anderson
El doctorado en derecho en la universidad liberal española (1847-1914), di Manuel Martínez Neira
Historical studies and the academic profession in United Italy: A database of concorsi for university teaching posts in historical disciplines, di Matteo Caponi e Andrea Mariuzzo
Insegnamenti giuridici e percorsi disciplinari: il rinnovarsi di una peregrinatio academica (1860-1915), di Annamaria Monti

BOOK: Rifrazioni anomale dell’idea di giustizia

Rifrazioni anomale dell’idea di giustizia

a cura di G. Rossi, D. Velo Dalbrenta, C. Pedrazza Gorlero

Ius in fabula. Collana di Studi su Diritto e Arti

Napoli: Esi, 2017 – ISBN 9788849534559

sito dell’editore

Veneranda e terribile quant’altre mai, l’idea di giustizia viene perlopiù trascurata, nelle sue implicazioni teoriche non meno che in quelle pratiche, proprio da coloro che pure dovrebbero farsene carico – per così dire – ex professo: i giuristi. Al contrario, questa stessa idea sembra aver sempre destato un grande interesse nelle lettere e nelle arti, che ce la riconsegnano in poliedriche narrazioni ed immagini divenute sovente archetipiche nell’ambito della stessa cultura giuridica. Forti di tale consapevolezza, e delle basilari acquisizioni ormai consolidatesi negli studi di Law & Literature, gli autori dei contributi raccolti nel presente volume si sono nello specifico cimentati con l’invincibile ambiguità di fondo che l’idea di giustizia, (ri)vissuta nelle forme della finzione artistica, può rivelare – o forse, di fatto, comunque rivela – al contatto con l’esperienza.

INDICE SOMMARIO

I. Sguardi introduttivi

Daniele Velo Dalbrenta, Come il lupo della favola. Storie di diritto, vite ed invenzione (per giuristi)
Giovanni Rossi, «Diritto e letteratura»: sul significato di un connubio di successo
Maria Paola Mittica, Diritto e letteratura. Tendenze e problemi

II. Giustizia e potere

Francesco D’Urso, Diritto, giustizia e potere nella tragedia Epizia del ferrarese Cinzio Giraldi
Bruno Méniel, Une question pour écrivains humanistes: quelle justice pour les sociétés de malfaiteurs?
Cecilia Pedrazza Gorlero, Rifrazioni della giustizia ne Le Comte de Monte-Cristo di Alexandre Dumas
Giovanni Tuzet, Giustizia ad ogni costo? Sul Michael Kohlhaas di H. von Kleist

III. Giustizia e processo

Giovanni Rossi, Alea iudiciorum. Le sentenze (in)appellabili del giudice Bridoye
Alberto Tedoldi, Il processo in musica nel Lohengrin di Richard Wagner
Marco Cavina, La dormeuse. Eutanasia sotto processo in alcuni romanzi fra ’800 e ’900
Daniele Velo Dalbrenta, La giustizia oltre la giustizia. Intorno a Sycamore Row di John Grisham

IV. Giustizia e immagini

Paolo Heritier, Tra il vero e il fatto: estetica della giustizia in Vico. Glosse sulla ‘Dipintura’ come ‘Idea dell’opera’ nella Scienza Nuova
Loredana Olivato, I molti volti della Giustizia. Per un itinerario iconografico
Aldo Andrea Cassi, Olimpo, Sinai, Golgota. «Rifrazioni anomale dell’idea di Giustizia» rilevate da una prospettiva orografico-antropologica

BOOK: Les juristes des Etats de Savoie (XVIe-XIXe siècles) Entre modèles nationaux et science européenne

Les juristes des Etats de Savoie (XVIe-XIXe siècles). Entre modèles nationaux et science européenne

Présentation

Le colloque « Les juristes des États de Savoie (XVIe-XIXe siècles) : Entre modèles nationaux et science européenne » est la huitième rencontre organisée dans le cadre du P.R.I.D.A.E.S. (Programme de Recherche sur les Institutions et le Droit des Anciens États de Savoie). Il s’est déroulé à Cuneo, en novembre 2014, à l’initiative du laboratoire ERMES (Université Côte d’Azur) et avec le concours du Dipartimento di Giurisprudenza de l’Università degli studi di Torino et de son siège de Cuneo.

Cet ouvrage, réunissant les actes de ce colloque, témoigne de l’importance de la science du droit et de l’activité judiciaire au sein de cette « monarchie juridique » que sont les États de Savoie, qu’il s’agisse simplement de l’exercice de fonctions juridictionnelles ou, de manière plus érudite, de la création du droit et de son utilisation au service de l’État ou de l’administration. En effet, ces juristes des États de Savoie ont pour caractéristique commune de s’être impliqués dans la pratique du « droit vivant » ou d’avoir mis leurs compétences au service de la couronne, un peu moins de s’être consacrés à une forme d’étude scientifique du droit qui leur aurait permis un rayonnement plus important. C’est sans doute la raison pour laquelle ils sont peut-être moins connus que d’autres, mais cela rend d’autant plus nécessaire l’existence du présent ouvrage.

Les communications rassemblées dans la première partie du volume, sous le titre « Figures de juristes, enseignement du droit et pratique judiciaire », permettent ainsi de présenter diverses personnalités, des plus modestes au plus connues à l’échelle européenne, mais dont le droit, pratiqué, enseigné ou diffusé, est le dénominateur commun. Sous le titre « Juristes et création du droit : doctrine, législation et codification », les articles de la seconde partie s’intéressent à une dimension davantage politique de nombreux juristes plus ou moins proches du pouvoir et impliqués dans l’activité jurisprudentielle ou normative.

Le résultat, qui vient opportunément combler un vide historiographique, tant en France qu’en Italie, constitue un ensemble stimulant pour les historiens du droit, mais également ceux qui s’intéressent à l’histoire des institutions, de la société, de la culture et de la vie politique, invités à ne pas négliger la spécificité des États de Savoie et réfléchir au comparatisme avec le système français.

PRIDAES , 386 pages. 30€

Parution : 03/2018
Editeur : Serre Editeur
ISBN : 978-2-8641-0641-8
Site de l’éditeur

BOOK: Vera Fritz, Juges et avocats généraux de la Cour de Justice de l’Union européenne (1952–1972)

Juges et avocats généraux
de la Cour de Justice de l’Union européenne (1952–1972) 

Une approche biographique de l’histoire d’une révolution juridique

Vera Fritz

<p><strong>Juges et avocats généraux de la Cour de Justice de l’Union européenne (1952–1972)</strong></p> <p>Vera Fritz <br /> Studien zur europäischen Rechtsgeschichte 312 <br /> Frankfurt am Main: Klostermann 2018</p>

 

Studien zur europäischen Rechtsgeschichte 312
Frankfurt am Main: Klostermann 2018. IX, 396 S.

ISSN 1610-6040
ISBN 978-3-465-04350-8

Drawing on archives gathered in the six founding member states of the European Union, this book offers a new perspective on the “constitutionalization” of the European treaties, which was launched in the 1960s by the Court of Justice of the EU. By highlighting the professional and personal backgrounds of the first European judges and advocates general, its author studies the dynamics which prevailed within the institution during its “revolutionary” years and analyzes the Court’s relationship with the Member States of the European Communities. Through a detailed study of the selection process of the members of the Court, it also provides new answers to the question of whether governments tried to put an end to its bold jurisprudence.

En s’appuyant sur des archives rassemblées dans les six pays fondateurs de l’Union européenne, cette monographie s’inscrit dans l’histoire du droit européen et propose un regard nouveau sur le « processus de constitutionnalisation » des traités européens lancé dans les années 1960 par la Cour de Justice de l’UE. Elle étudie les dynamiques qui règnent à l’intérieur de l’institution et met en lumière les parcours professionnels et personnels des premiers juges et avocats généraux européens, dont certains ont contribué au façonnement des jugements les plus connus et commentés de l’histoire de l’institution. L’auteure cherche à comprendre comment la Cour réussit pendant ses années révolutionnaires à autant limiter la souveraineté des Etats membres sans – semble-t-il – être confrontée à de sérieuses résistances de la part des gouvernements. Pour expliquer ce phénomène, l’ouvrage s’intéresse au réseau politique de la Cour et aux relations que la juridiction entretient avec les Etats membres. À travers une étude détaillée du processus de sélection des membres de la Cour, il apporte notamment des réponses inédites à la question de savoir si les gouvernements ont tenté de mettre un terme à sa jurisprudence audacieuse.

TABLE DES MATIERES

Introduction

1re partie Trajectoires professionnelles et personnelles des premiers membres de la Cour de Justice avant leur arrivée à la juridiction européenne

1 Les pionniers de la Cour de Justice de la CECA

2 De l’entrée en fonction de la Cour de Justice des Communautés européennes aux arrêts « révolutionnaires »

3 La Cour de Justice de 1964 à 1972

2e partie Procédures de sélection, de nomination et de renomination des membres de la Cour de Justice

1 La nomination des pionniers

2 Premiers renouvellements et non-renouvellements de mandats

3 Les démissions, fins de mandats et remplacements des années 1960

4 Analyse : un processus hautement politique et apolitique à la fois

3e partie Positions idéologiques de la Cour de Justice

1 Ces juges et leurs arrêts

2 Cette Cour de Justice et son réseau

3 Les négociations du protocole de Luxembourg (1967–1971)

Conclusion

Centres d’archives visités

Sources

Bibliographie

BOOK: Federigo Bambi, Scrivere in latino, leggere in volgare

Scrivere in latino, leggere in volgare
Glossario dei testi notarili bilingui tra Due e Trecento
 
Federigo Bambi

 

Milano: Giuffrè, 2018 – ISBN: 9788814227226

sito dell’editore

Risuonava spesso la voce dei notai del medioevo, in occasioni pubbliche e private. In particolare quando ci fosse da spiegare in volgare alle parti i contenuti di un contratto che sarebbe stato redatto in gramatica, cioè in lingua latina. Al latino il notaio affida la scrittura, sul protocollo che gli è proprio, ma è in volgare che egli descrive, spiega e racconta – e usando un linguaggio non troppo tecnico – perché chi non sa di diritto, e di latino, possa comprendere. Ecco un`importante opera di mediazione, non troppo diversa – alla fine – da quella che i professionisti del diritto, notai ma anche avvocati, continuano a svolgere ancora oggi nei confronti dei cittadini. Qualcuno di quegli antichi professionisti ha messo per iscritto la traduzione di formule e di schemi di atti per avere un brogliaccio da seguire, senza dover sempre lasciarsi guidare dall`improvvisazione. E di tutto ciò qualcosa è arrivato fino a noi, e anche in una lingua fresca e vitale. Sarà che il notaio che scrive l’atto in latino in terza persona, quasi sempre si rivolge in volgare direttamente al contraente con la seconda, e dopo settecento e più anni sembra d’esser lì ad ascoltare, dinanzi a persone vive e vegete. Queste parole, queste espressioni, queste brevi frasi sono insomma strumenti per la lettura in volgare d’un testo in latino; al tempo stesso prove d’autore d`una nascente lingua giuridica che si caratterizza ” in genere ” per un legame di continuità con il lessico della compilazione giustinianea, da poco rinnovata a Bologna, e che è espressione d’un sapere tecnico diffuso e adattato alle esigenze d’un epoca nuova. Questo glossario ne vuole essere una diretta testimonianza.

INDICE
Formulari e scritture notarili bilingui tra Due e Trecento
Glossario
Bibliografia
Indice delle parole latine

BOOK: Eloisa Mura, Mancini in cattedra

Mancini in cattedra
Le lezioni torinesi di diritto internazionale del 1850-51 e 1851-52

 

Eloisa Mura

Pisa: Edizioni ETS 2018 – ISBN [978-88-467-5183-6]

Sito dell’editore

L’istituzione, nel 1850, della prima cattedra italiana di diritto internazionale presso l’Università di Torino segnò una tappa decisiva nello sviluppo della disciplina. Fino allora la materia era stata impartita – non sempre e non ovunque – insieme con altre in una posizione marginale che ne ostacolava la crescita, impedendo l’affermarsi dello specialismo. Titolare di quel primo insegnamento autonomo fu Pasquale Stanislao Mancini, per un ventennio unico professore ordinario della materia, che portò nella Facoltà giuridica sabauda le aperture e i fermenti delle scuole private napoletane uniti all’impegno che gli derivava dalla “cultura dell’incivilimento” respirata nella città partenopea. 
Il ritrovamento del manoscritto del primo corso biennale tenuto dal professore campano negli anni accademici 1850-51 e 1851-52, finora sfuggito all’attenzione degli studiosi e del quale oggi si pubblica l’edizione, consente di vedere in azione quel grande protagonista della vita culturale e politica nazionale, di conoscere le sue parole come vennero dette e contemporaneamente di seguire, nelle primissime fasi, lo strutturarsi della disciplina nell’accademia italiana in uno sforzo di dissodamento che fu inevitabilmente scientifico, oltre che didattico. Il volume, mentre ricostruisce l’impegno profuso dal giurista irpino sulla cattedra, offre così uno sguardo analitico su quella stagione cruciale della storia giuridica italiana.
 
INDICE DEL VOLUME
 
1. Il manoscritto delle lezioni manciniane 
2. Il «corso completivo» torinese 
3. Mancini professore 
4. La funzione civile dell’insegnamento 
5. Dalle lezioni napoletane ai primi corsi torinesi 
Nota alla trascrizione 
Lezioni di diritto pubblico internazionale dette dal professore Pasquale Stanislao
Mancini nella Regia Università di Torino nei corsi 1850-51 e 1851-52 89
Indice dei nomi